Basket: Proger Chieti a Jesi per un'amichevole contro l'Aurora

Aurora Basket Jesi 06/09/2015 - Prima partita contro una pari categoria per l’Aurora di coach Lasi, con luci ed ombre, a dimostrazione che non sarà un campionato facile e che ci sarà da lavorare sodo per portare la squadra alla pari con le avversarie di stagione.



Contro la Proger Chieti è stata disputata una partita di allenamento con l’azzeramento del punteggio, a ogni fine quarto, perdendo di vista il significato del risultato complessivo, 88-80 per gli ospiti, con due quarti per parte.

Scelta evidentemente condivisa dai due tecnici, il cui obiettivo principale, era mettere a punto i meccanismi di gioco delle rispettive formazioni, senza pensare all’esordio di campionato che il 4 ottobre vedrà di scena proprio Chieti e Aurora.

Il pesante 0-18 rimediato dall’Aurora nel primo periodo diventa meno preoccupante, di quanto lo sarebbe stato in un match nel giocato con un vero punteggio, ma non è stato bello da vedere. che ha costretto coach Lasi a cambiare gli equilibri della squadra, modificando quello lo starting five della sua squadra, lo stesso utilizzato nei due impegni precedenti: Greene, Picarelli, Santiangeli, Hunter, Paci.

Nel break è stata la maggiore intensità della squadra ospite a fare la differenza. Certo, va considerato che la formazione ospite è stata allestita per migliorare il risultato dello scorso anno, il settimo posto, ma l’Aurora è partita davvero male, perdendo quasi subito la fiducia nei propri mezzi.

Così il primo canestro dei padroni di casa, per mano di Battisti, arrivato a 5’55” dalla fine del parziale, ha aperto i giochi, grazie a un parziale di 7-0 e l’Aurora ha quanto meno dimostrato di voler evitare brutte figure di fronte al proprio pubblico. Con il doppio play Greene-Battisti, Lasi ha provato ad alzare la difesa, fin nella metà campo ospite, limitando lo svantaggio, alla sirena, 14-25.

In un match ufficiale, partire con uno 0-18 iniziale, sarebbe significato compromettere la serata: è un campanello d’allarme del quale bisogna tenere conto. Secondo e terzo quarto sono andati all’Aurora, che ha difeso meglio, concedendo in più di una occasione tiri difficili all’avversaria.

Il secondo quarto si è chiuso sul 23-18, il terzo sul 26-19, ed è stato questo, senza dubbio, il migliore per la squadra di casa, con un Gueye in evidenza, per intensità difensiva, oltre che per qualche canestro dalla distanza e con lui tutta la squadra ha difeso meglio. Anche il quarto parziale, come il primo, è andato piuttosto nettamente alla Proger, 26-17.

L’Aurora, a parte i due blackout di inizio e fine partita, ha dimostrato anche stavolta scampoli di gioco interessanti, ma bisognerà crescere e cercare di coinvolgere maggiormente Santiangeli nel ruolo di leader: può essere davvero l’arma più importante di questa squadra.

Visti sugli spalti alcuni spettatori interessati, Sandro Vecchiato e i due ex Aurora Gigio Gresta e Federico Manzotti.


AURORA JESI- PROGER CHIETI 80-88
14-25; 23-18; 26-19; 17-26

AURORA JESI: Greene 9, Hunter 8, Battisti 2, Scali ne, Lucarelli ne, Moretti ne, Schiavoni ne, Janelidze 2, Leggio 4, Paci 12, Santiangeli 18, Picarelli 7, Ciampaglia ne, Gueye 18. All.: Lasi.

PROGER CHIETI: Abbott 18, Piazza 2, Allegretti 20, Marchetti, Sergio 9, Sipala 1, Piccoli 7, Vedovato 5, Monaldi 7, Armwood 19. All. Galli.

Arbitri: Paglialunga e Uncini.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-09-2015 alle 11:42 sul giornale del 07 settembre 2015 - 638 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, jesi, aurora, aurora basket jesi, cheti