SEI IN > VIVERE CHIETI > SPORT
comunicato stampa

Calcio a 5 Femminile: 6-6 pirotecnico col Prandone, la Lux Chieti torna a muovere la classifica

4' di lettura
20

La Lux Chieti c5 conquista il primo punto casalingo pareggiando 6 a 6 contro il Futsal Prandone. Al PalaSport di Cepagatti è andata in scena una gara al cardiopalma, intensa e forse non troppo memorabile per le due difese, tradite da ingenuità e colpite spesso su calcio da fermo.

Un risultato che probabilmente scontenta sia la Lux che il Prandone, dato che fino alla fine entrambe hanno avuto occasioni per vincerla. Senza dubbio però le ragazze di mister Maione meritano un plauso per la reazione seguita al 4 a 2 per le ospiti e il pareggio impattato nel finale dopo la contestata espulsione di Cialfi.

La sintesi

Il primo squillo è del Prandone, con capitan Bruni che anticipa Febo e sfiora la rete dopo pochi secondi. Solo al 6’ arriva la prima conclusione delle neroverdi, con Di Renzo che si lascia ipnotizzare dal portiere Sciannamea in uscita. Sull’altro versante Esposito risponde a Felicetti, poi Brisichella ha l’occasione più ghiotta: ruba palla sul cerchio del centrocampo ma Sciannamea si salva in spaccata. Dopo un sinistro al volo di Di Renzo, al 12’ arriva il vantaggio delle ospiti con Bruni, che soffia il pallone dai piedi di Brisichella ed infila Esposito da distanza ravvicinata. Gaspari spreca la palla del raddoppio, e allora la Lux nel giro di un paio di minuti ribalta il risultato. Febo in contropiede firma il pari, quindi Di Renzo da angolo e trova in area Paoletti che in due tempi trova il 2 a 1. A 15 secondi dall’intervallo, sempre da angolo, una sfortunata Barbetta infila il pallone di schiena nella propria rete.

Il secondo tempo si apre col terzo gol del Prandone, è ancora Bruni ad andare a segno cogliendo impreparata la difesa neroverde. Severini lambisce il palo da ottima posizione, ma il 4 a 2 è solo rimandato. Al 7’ sale in cattedra Giuva, che manda a vuoto Brisichella, crea la superiorità numerica e serve a Felicetti il più comodo degli assist. Cialfi prova a scuotere le compagne con un destro potente che finisce sull’esterno della rete. Poi Febo atterra Giuva in area, ma Gaspari dal dischetto centra la traversa fallendo il possibile colpo del KO. La Lux alza il pressing, Severini reclama un fallo non ravvisato dagli arbitri e capitan Barbetta al 10’ accorcia le distanze approfittando di un mezzo pasticcio della difesa ospite. Nel giro di 60 secondi la Lux ancora una volta ribalta il risultato. Cialfi ruba palla a un’avversaria e con la punta trafigge Sciannamea, subito dopo Brisichella scatta alle spalle di Patacca e sfrutta l’ottimo rilancio di Esposito portando la Lux sul 5 a 4. L’inerzia della gara sembra di nuovo a favore delle teatine, ma Bruni, di nuovo su calcio da fermo, trova la tripletta approfittando della difesa immobile. Barbetta in contropiede va ad un passo dal nuovo vantaggio, sul ribaltamento di fronte Cialfi colpisce involontariamente la sfera con il braccio: per il direttore di gara è rigore e secondo giallo. Questa volta Felicetti trasforma il penalty, ma la gara non è ancora finita. La Lux non demorde, Sciannamea si supera sul destro di Febo, e sull’angolo che ne scaturisce Barbetta trova il 6 pari. La Lux ha persino la chance di vincerla quando Felicetti commette il sesto fallo ai danni di Di Renzo, ma Sciannamea si oppone al tiro libero di Brisichella.

Le dichiarazioni di Agnese Di Renzo, tra le protagoniste del match con un assist e tante buone giocate: «Una gara dalle due facce, purtroppo iniziamo spesso con ritmi bassi, regaliamo sempre o il primo o il secondo tempo, e questo non va bene perché recuperare ogni volta due o tre gol diventa complicato, prima o poi pagheremo dazio. Su questo aspetto dobbiamo migliorare tanto, oggi serviva una vittoria, è arrivato un punto e dobbiamo accontentarci».

Prossimo tappa Chiaravalle, tra infortuni e squalifiche: «Anche quest’anno il Chiaravalle ha allestito una rosa importante, noi però guardiamo a noi stesse. È vero, già dobbiamo fare i conti con alcuni infortuni, l’espulsione di Chiara proprio non ci voleva, dobbiamo però continuare a lavorare e puntare comunque a fare risultato».



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2023 alle 16:03 sul giornale del 14 novembre 2023 - 20 letture






qrcode